Vai al contenuto

27 FEBBRAIO 1814: I COMBATTIMENTI DI BAR-SUR-AUBE

  • di
27 FEBBRAIO 1814: I COMBATTIMENTI DI BAR-SUR-AUBE

Quando

Febbraio 27, 2023    
Tutto il giorno

Tipologia evento

• Leggiamo “Effemeridi militari dal 1792 fino al 1815” di Louis-Eugène d’Albenas:

Nel momento in cui l’esercito austro-russo, agli ordini del principe di Schwartzenberg, evacuando Troyes (23 febbraio), si ritirava dietro l’Aube per evitare un impegno generale con l’esercito francese, l’armata detta di Slesia se ne separava ancora una volta per portarsi isolatamente sulla Marna, per marciare su Parigi.

L’imperatore Napoleone, disperato di far accettare la battaglia all’esercito austro-russo, lasciò per osservarlo i corpi dei marescialli Macdonald, Oudinot e del generale Gérard, in posizione sulle strade di Châtillon e di Bar-sur-Aube, e con il resto delle sue truppe si mise all’inseguimento del generale Blücher. Il principe di Schwartzenberg, informato di questo movimento di Napoleone, lasciò la difensiva, e attaccò, il 27 febbraio, i corpi francesi lasciati davanti a lui sull’Aube.

Il maresciallo Oudinot, avvertito fin dalla vigilia dei piani del nemico da varie relazioni degli abitanti, non avendo voluto aggiungervi fede, non prese in anticipo alcuna disposizione difensiva, trascurò di far rientrare in linea la sua artiglieria, che per prudenza aveva mandato alle spalle di Magny-le-Fouchard, e fu sorpreso nelle sue posizioni.

L’azione si avviò verso le undici del mattino su tutta la linea e la nostra sinistra, occupando le alture di Vernonfait, fu la più vigorosamente affrontata. Le brigate Montfort e Belair respinsero un primo attacco spingendo il nemico in un burrone. Ma presto schiacciate dalla mitraglia, ne furono scosse quando la brigata Pinoteau venne ad appoggiarle.

Ma questo aiuto era insufficiente perché la nostra fanteria potesse mantenersi sotto il terribile fuoco degli alleati, la cui artiglieria aveva fatto tacere la nostra. In questo momento critico, la cavalleria agli ordini del generale Kellerman, avendo passato l’Alba al guado dello Spirito Santo, prese parte immediatamente alla battaglia. La divisione di cavalleria leggera del generale Jacquinot, sostenuta dalla divisione di dragoni che arrivava dalla Spagna, si lanciò sulla cavalleria russa, tagliandola a pezzi e riportandola alla gola.

Questa brillante carica, spinta a fondo, sembrava decidere l’azione a nostro favore, quando il generale russo Wittgenstein, facendo avanzare tutte le sue riserve e un’artiglieria formidabile, fulminò le nostre colonne.

Il generale Ismert, con il 4º e 16º dragoni, carica su questa artiglieria tre volte, ma senza successo; e in meno di un quarto d’ora, perde quattrocento cavalli. Con il nemico che riceveva nuovi rinforzi in ogni momento, e una colonna russa che già sorpassava la nostra sinistra nonostante la buona capacità della brigata Belair, il maresciallo Oudinot ordinò la ritirata.

Mentre questo avveniva nel corpo del maresciallo Oudinot, anche il corpo del generale Gérard fu attaccato nella città di Bar dal generale bavarese di Wrede. Ma le sue disposizioni erano state prese così bene che egli respinse costantemente il nemico e vi sarebbe rimasto a lungo se, avvertito del movimento retrogrado del centro e della sinistra, non avesse ritenuto inutile una resistenza più lunga.

Una parte dell’esercito aveva già superato il ponte di Dolencourt quando il nemico, posizionando dodici pezzi sulle alture di questo villaggio, dietro un largo burrone, coprì di mitraglia la cavalleria del generale Kellerman. Questa inattesa cannonata causò un istante di disordine che si diffuse quando il generale Montfort, alla testa del 1º battaglione del 105º, di alcune compagnie del 101º e della giovane guardia, spinse la batteria e la obbligò ad allontanarsi. L’esercito si ritirò senza ulteriori preoccupazioni e si trasferì a Vandœuvres il giorno successivo.

Quel giorno, quando cinquantamila alleati vinsero solo il campo di battaglia su quindicimila francesi, quasi senza artiglieria, costò tremila uomini, prigionieri, uccisi o feriti. Il generale Pinoteau fu uno di questi. Il nemico confessò una perdita di duemilaquattrocento uomini. Il principe di Schwartzenberg e il generale Wittgenstein furono feriti.

Lo stesso giorno, il maresciallo Macdonald, che per la strada di Châtillon occupava il paese tra l’Aube e la Senna, aveva fatto trasportare sulla Ferté il generale Milhaud con le divisioni di cavalleria Pireo e Briche e la brigata di fanteria del generale Simmer. La nostra avanguardia incontrò la cavalleria austriaca sulle alture di fronte alla Ferté. La cannonata si innescò e i nostri squadroni schierati fornirono le loro cariche, quando il nemico attraversò l’Aube e ruppe il ponte della Ferté.