Vai al contenuto

21 LUGLIO 1798: BATTAGLIA DELLE PIRAMIDI

21 LUGLIO 1798: BATTAGLIA DELLE PIRAMIDI

Quando

Luglio 21, 2023    
12:00 am

Tipologia evento

Il 21 luglio 1798, alla periferia di Embabeh, circa 7 chilometri a nord delle piramidi di Giza, l’esercito francese, 25.000 uomini, affrontò i 40.000 uomini di Mourad Bey.

I fanti egiziani, poco esperti, sono trincerati a Embabeh con tutta l’artiglieria, che non è montata su carrozze. I mamelucchi, 8.000 cavalieri, sono sul loro fianco sinistro. Sulla riva destra del Nilo, un altro esercito comandato da Ibrahim Bey, sebbene più numeroso, si accontenta di osservare la battaglia.

Bonaparte usa la sua tattica preferita, il quadrato di fanteria: forma le sue cinque divisioni in quadrati, lui al centro, con Kléber, Desaix e Reynier a destra e Menou e Bon a sinistra.

Questi quadrati, mobili in tutte le direzioni, sono composti da 6 ranghi di fanteria davanti e dietro e 3 ai lati, agli angoli, di pezzi di artiglieria, al centro, la cavalleria e il seguito degli equipaggi.

Così costituite come bastioni mobili, queste piazze respinsero le furiose cariche dei mamelucchi, i quali, colti in un movimento a tenaglia, lasciarono al suolo 8.000 morti dopo due ore di combattimento.

I francesi attaccano quindi il campo di Embabech con le baionette. Prendono 50 cannoni e più di 400 cammelli, e mettono in fuga Mourad Bey, ferito, che ripiega verso Gizeh con 2.500 cavalieri.

A questa vista, Ibrahim Bey è fuggito in Siria. La strada per il Cairo è aperta.