1º OTTOBRE 1799: BONAPARTE DI RITORNO DALL’EGITTO ARRIVA AD AJACCIO

  • di
1º OTTOBRE 1799: BONAPARTE DI RITORNO DALL'EGITTO ARRIVA AD AJACCIO

Quando

Ottobre 1, 2022    
12:00 am

Event Type

In Egitto, Bonaparte riceve due cattive notizie dalla Francia. La prima lo informa dell’infedeltà di sua moglie Giuseppina. La seconda, che lo preoccupa molto di più, è che il paese brontola contro i cinque rappresentanti del popolo del Direttorio che lo dirigono. Accusati di corruzione, potrebbero essere la causa di una nuova rivoluzione.

Bonaparte decide di tornare. Si imbarcò per la Francia il 22 agosto 1799, in un piccolo convoglio di quattro navi, costituito dall’ammiraglio Ganteaume, sopravvissuto al disastro navale di Aboukir: due fregate, la Carrère e la Muiron, dal nome del suo aiutante di campo, ucciso sul ponte di Arcole, e due checche, la Rivincita e la Fortuna.

Bonaparte si imbarcò sulla Muiron con Ganteaume, Berthier, Andreossy, Bourrienne, Eugène de Beauharnais. Sulla Carrère, commissionato da Dumanoir, Murat, Lannes, Marmont, Duroc. Bessières, gli scienziati Monge, Berthollet, Vivant Denon e Parseval-Granmaison. 300 soldati scelti.

Il 29 settembre la Muiron oltrepassò le bocche di Bonifacio, e il 30 entrò nel golfo di Ajaccio, ma il vento gli impedì di raggiungere il porto. Una nave si avvicinò per arrestare la squadra e obbligarla a rispettare la quarantena.

“Da dove vieni?” disse Roch Donzella, ai piedi della fregata Muiron all’ammiraglio Ganteaume. “Dall’Egitto”, rispose quest’ultimo. “Dall’Egitto? Ha notizie del generale Bonaparte?” Quest’ultimo dice: “Sto bene.” Roch Donzella tornò al porto per annunciare la notizia in tutta la città: Bonaparte è tornato!

Avrebbe dovuto essere confinato per 40 giorni, come richiesto dalla normativa. Jean-Baptiste Barberi, il comandante del consiglio sanitario, chiese un voto per sperare di aggirare la quarantena. Negativo. La paura della peste era grande, ma una delegazione guidata da Barberi andò comunque incontro a Napoleone sulla sua nave. Tutti si salutarono, si baciarono

Bonaparte fece notare che le precauzioni sanitarie vengono presto dimenticate. Barberi, infine, autorizzò lo sbarco del generale e del suo contingente. In città non furono presenti solo i sostenitori di Napoleone: la casa di Barberi venne etichettata con questo messaggio furioso: “Vai à ti pagà da i to Bonaparti di merda”-vai a farti pagare dai tuoi Bonaparte di merda(Philippe Perfettini).

Il 1º ottobre 1799 Bonaparte sbarcò nella sua città natale. Decise di fermarsi più a lungo, per raccogliere le ultime notizie dalla Francia. L’accoglienza è entusiasta. Vi ritrova la sua nutrice Camilla Ilari, che gli dona segni di attenzione materna.

I venti non sono favorevoli per ripartire. Bonaparte fa visitare Ajaccio e le sue proprietà ai sapienti che l’accompagnano. Questi ultimi si interessano ai problemi di sviluppo della città. Ajaccio è sclerotizzato dalla sua insalubrità. Non c’è acqua potabile, nessuna gestione dei rifiuti, nessuna rete fognaria. ” Nelle sue mura, la città soffoca”, sottolinea Philippe Perfettini, autore della guida Napoleone “Passeggiate imperiali per le strade di Ajaccio”.

Per gli scienziati la soluzione è ai Milelli e alle sue numerose sorgenti di montagna. ” La sistemazione moderna della città è stata pensata dai Milelli, dagli scienziati che circondavano Napoleone durante la sua ultima sosta ad Ajaccio.” (Philippe Perfettini)

Non appena la strada è sicura, e i venti sono favorevoli, la Muiron, il 7 ottobre 1799, rimette a vela e mai più Bonaparte rivedrà Ajaccio…