A Marengo sarà rievocata l’unica rievocazione della battaglia

La battaglia di Marengo (14 giugno 1800) è il clou riprodotto dalla prima rievocazione storica moderna: questa perla di living history, allestita domenica 5 maggio 1805 sulla piana verde della Fraschéta sarà riprodotta nella versione inedita ideata per il 220° anniversario. L’annuncio sull’evento differito al 2025 è stato diffuso dal sergente Lorenzo Bernini al meeting allestito alla villa Delavo per evocare l’incoronazione di Napoleone, Imperatore dei Francesi (2 dicembre 1804). L’evento, riuscito nonostante la pandemia e la neve recente, è stato impreziosito dalle vivandiere precedute da quaranta soldati iscritti ai gruppi: 111° Reggimento di fanteria di linea, k.k. jaeger 1 Wien (austriaci), Montichiari (bersaglieri), 59° Demi Brigade.
“L’appeal di queste rievocazioni di pagine leggendarie di storia – dichiara Efrem Bovo (direttore Unione Giornalisti e comunicatori europei) – può spingere il brand Marengo sulle agende culturali e innalzare Alessandria sull’apogeo di capitale napoleonica d’Italia”. Il rito degli onori conferito alla statua di Napoleone Primo Console, ai soldati caduti a Marengo insieme al Generale Louis Desaix (dal 14 giugno 2002 la lapide posata alla Vigna Santa dalla 59° Demi Brigade definisce il sito preciso di morte dell’artefice della vittoria) precedeva il ricordo dolente rivolto ai rievocatori defunti.