Due passaggi sul piccolo schermo nel nome di Napoleone

Nell’arco di una settimana due programmi televisivi hanno parlato di Napoleone, testimonianza che il nome e la fama del grande condottiero francese continuano ad affascinare e a svelarci aneddoti curiosi o poco conosciuti.

Il primo programma è stato “Cake Star – Pasticcerie in sfida” con Damiano Carrara e Katia Follesa, i conduttori dello show di RealTime. Nella puntata tre pasticcerie alessandrine, Zoccola con Alice Zoccola, La Dolce Vito rappresentata da Vito Pantuosco e l’Elvetia di Matteo Calderone si sono sfidate, a colpi di dolci e polemiche, presentando le proprie specialità. L’occasione è stata propizia per ricordare un tipico dolce del nostro territorio, la “torta di Marengo”. Detta anche polenta di Marengo, è un dolce che venne ideato nel 1933 da Dante Chiabrera, titolare della pasticceria di piazza della Libertà, ad Alessandria. La torta è ispirata alla battaglia di Marengo ed è fatta con farina di mais, uvetta e maraschino. La gara, alla fine, è stata vinta dalla pasticceria Elvetia di Novi Ligure.

Il secondo programma televisivo che ha citato Napoleone è stato Geo di Rai3, la trasmissione pomeridiana su natura e ambiente condotta da Sveva Sagramola ed Emanuele Biggi. In una puntata è stato mandato in onda un servizio su Saint Rémy e sul Colle del San Bernardo, che Napoleone attraversò con il suo esercito, tra mille difficoltà, per entrare in Italia prima della battaglia di Marengo.

Nella valle si festeggia un Carnevale storico in cui le persone del luogo si travestono da “landzette”, ossia personaggi con le uniforme napoleoniche. Le landzette esistono in tutti i Paesi della Valle del San Bernardo – come è stato spiegato durante la trasmissione – ma si differenziano per piccoli particolari, come il colore, i lustrini, il modo di indossare il cappello. Le landzette sfilano e, in cima al corteo, c’è un uomo vestito da Napoleone. Questa tradizione popolare ha radici antiche e,infatti, dura da oltre duecento anni.