Vai al contenuto

18 OTTOBRE 1805: ULM – SESTO BOLLETTINO DELLA GRANDE ARMATA

18 OTTOBRE 1805: ULM - SESTO BOLLETTINO DELLA GRANDE ARMATA

Quando

Ottobre 18, 2022    
12:00 am

Tipologia evento

La giornata di Ulm è stata una delle giornate più belle della storia della Francia. L’Imperatore avrebbe potuto rapirlo d’assalto; ma 20,000 uomini, difesi da opere e da fossati pieni d’acqua, avrebbero opposto resistenza e il vivo desiderio di Sua Maestà era di risparmiare il sangue. 

Il generale Mack, in capo dell’esercito, era in città: è il destino dei generali opposti all’Imperatore di essere catturati nelle piazze. Si ricorda che dopo le belle manovre della Brenta, il vecchio feldmaresciallo Wurmser fu fatto prigioniero a Mantova, Melas lo fu in Alessandria, Mack in Ulm.

L’esercito austriaco era uno dei più belli che l’Austria avesse mai avuto: era composto da 14 reggimenti di fanteria che formavano l’esercito detto di Baviera, 13 reggimenti dell’esercito del Tirolo e 5 reggimenti venuti al posto d’Italia, facendo 32 reggimenti di fanteria, e 15 reggimenti di cavalleria.

L’Imperatore aveva posto l’esercito del principe Ferdinando nella stessa situazione in cui pose quello di Melas. Dopo aver esitato a lungo, Melas prese la nobile decisione di passare sul corpo dell’esercito francese; questo diede luogo alla battaglia di Marengo. Mack fece un’altra scelta: Ulm è il culmine di un gran numero di strade. Progettò di far fuggire le sue divisioni attraverso ciascuna di queste strade e di riunirle in Tirolo e in Boemia. Le divisioni Hohenzollern e Werneck sboccarono da Heidenheim. Una piccola divisione sboccò da Memmingen, ma l’Imperatore, già il 20 [12 ottobre] corse da Augusta davanti a Ulm e sconcertò immediatamente i progetti del nemico, rimuovendo il ponte e la posizione di Elchingen, che rimediò a tutto.

Il maresciallo Soult, dopo aver preso Memmingen, si mise all’inseguimento delle altre colonne. Infine, al principe Ferdinando non restò altra risorsa che lasciarsi rinchiudere in Ulm o tentare, attraverso sentieri, di raggiungere la divisione di Hohenzollern. Il principe si recò ad Aalen con quattro squadroni di cavalleria.

Tuttavia, il principe Murat era alla ricerca del principe Ferdinando. La divisione Werneck volle arrestarlo a Langenau: fece 3,000 prigionieri, tra cui un ufficiale generale e gli tolse due bandiere. Mentre si muoveva con la destra verso Heidenheim, il maresciallo Lannes marciò con Aalen e Noerdlingen. La marcia della divisione nemica era indebolita dalla battaglia di Langenau. In questa battaglia, il principe Murat fu molto soddisfatto del generale Klein. Il 20º Reggimento Dragoni, il 9º Reggimento Fanteria Leggera e i Cacciatori della Guardia Imperiale si distinsero. L’aiutante di campo Brunet mostrò molto coraggio.

Questo combattimento non ritardò la marcia del principe Murat. Si avvicinò rapidamente a Neresheim e il 25 [17 ottobre] alle cinque di sera arrivò a questa posizione. La divisione dei Dragoni del generale Klein caricò il nemico. 

Due bandiere, un ufficiale generale e 1,000 uomini furono nuovamente catturati nella battaglia di Neresheim. Il principe Ferdinando e sette dei suoi generali ebbero solo il tempo di cavalcare. Trovammo la loro cena servita. Per due giorni non ebbero modo di riposare. Si dice che il principe Ferdinando non potrà sottrarsi all’esercito francese se non travestendosi o scappando con alcuni squadroni per qualche strada deviata dalla Germania.

Mentre l’imperatore stava attraversando una folla di prigionieri nemici, un colonnello austriaco si stupì nel vedere l’imperatore dei francesi inzuppato e coperto di fango. Dopo che uno dei suoi aiutanti di campo gli spiegò ciò che aveva detto l’ufficiale austriaco, l’imperatore gli fece rispondere: «Il vostro maestro ha voluto farmi ricordare che ero un soldato; spero che converrà che il trono e la porpora imperiale non mi hanno fatto dimenticare il mio primo mestiere.»

Lo spettacolo che l’esercito offrì nella giornata del 23 [15 ottobre] era davvero interessante. Da due giorni la pioggia cadeva a secchielli, tutti erano inzuppati. Il soldato era nel fango fino alle ginocchia, ma la vista dell’Imperatore gli rendeva allegria.

Si racconta anche che l’Imperatore rispose agli ufficiali che lo circondavano e ammiravano come, nel momento più penoso, i soldati dimenticassero tutte le privazioni e si mostrassero sensibili solo al piacere di vederlo: «Hanno ragione, perché è per risparmiare il loro sangue che faccio asciugare loro così grandi fatiche.»

L’Imperatore, quando l’esercito occupava le alture che dominavano Ulm, fece chiamare il principe del Liechtenstein, generale maggiore, rinchiuso in piazza, per dirgli che desiderava che capitolasse. Se l’avesse presa d’assalto, sarebbe stato costretto a fare ciò che aveva fatto a Giaffa. Che era il triste diritto della guerra. Gli disse di arrendersi.

Il principe insisteva che ufficiali e soldati avessero la facoltà di tornare in Austria. “Io lo concedo agli ufficiali e non ai soldati -rispose l’Imperatore- poiché, chi mi garantirà che non li faranno attaccare di nuovo?” Poi, dopo aver esitato un momento, aggiunse: “Bene! Mi fido della parola del principe Ferdinando. Se è nella piazza, voglio dargli prova della mia stima e gli concedo ciò che mi chiedete, sperando che la corte di Vienna non smentisca la parola di uno dei suoi principi.” 

Una brigata di 4.000 uomini occupò una porta della città di Ulm. Nella notte tra il 24 e il 25 [16-17 ottobre] distrusse la maggior parte dei suoi ponti.

Nella giornata del 23 [15 ottobre] il maresciallo Bernadotte spinse i suoi avamposti fino a Wasserburg e Haag sulla carreggiata di Braunau. Fece altri 4-500 prigionieri al nemico, gli tolse 17 pezzi di artiglieria di vari calibri. Dal suo ingresso a Monaco, senza perdere un solo uomo, il maresciallo Bernadotte prese 1,500 prigionieri, 19 pezzi di cannone, 200 cavalli e un gran numero di bagagli.

L’Imperatore attraversò il Reno il 9 novembre [1 ottobre], il Danubio il 14 [6 ottobre – in realtà il 7] alle cinque del mattino; il Lech lo stesso giorno, alle tre del pomeriggio; le sue truppe entrarono a Monaco il 20 [12 ottobre]. Gli avamposti arrivati sull’Inn il 23 [15 ottobre]. Il 25 [17 ottobre] Ulm.

Prese al nemico, ai combattimenti di Wertingen,  Günzburg, Elchingen, Memmingen, Ulm, Albeck, Langenau e di Neresheim 40,000 uomini, sia di fanteria che di cavalleria, più di quaranta bandiere, un gran numero di pezzi di cannone, di bagagli, di automobili, ecc. 

In questi combattimenti parziali, le perdite dell’esercito francese ammontarono solo a 500 morti e 1,000 feriti. Il soldato dice spesso: «L’Imperatore ha trovato un nuovo metodo di fare la guerra, usa solo le nostre gambe e non le nostre baionette.» I cinque sesti dell’esercito non sparano un colpo di fucile, il che li affligge, ma tutti camminano molto e raddoppiano la velocità quando hanno la speranza di raggiungere il nemico.

Si può fare l’elogio dell’esercito: è degno del suo capo.

Dobbiamo considerare l’esercito austriaco come annientato. Gli austriaci e i russi saranno costretti a fare molte chiamate alle reclute, per resistere all’esercito francese, che ha sconfitto un esercito di 100.000 uomini senza sperimentare, per così dire, nessuna perdita.