Vai al contenuto

15 FEBBRAIO 1804: IL GENERALE MOREAU VIENE ARRESTATO

  • di
15 FEBBRAIO 1804: IL GENERALE MOREAU VIENE ARRESTATO

Quando

Febbraio 15, 2023    
Tutto il giorno

Tipologia evento

Nel 1803, si tramò una congiura per assassinare Bonaparte. Si prevede di catturarlo e di assassinarlo sulla strada che da Saint-Cloud a Parigi. Per questo, Cadoudal, munito della considerevole somma di un milione di sterline, fornita dagli inglesi, sbarcò il 23 agosto sulla costa normanna e giunse a Parigi il 30, mentre il generale Pichegru e Jules de Polignac arrivarono clandestinamente in Francia il 16 gennaio 1804.

Il 28 gennaio 1804, Cadoudal e Pichegru incontrano il generale Moreau, che è diviso tra sentimenti repubblicani e realisti, ma che è soprattutto sotto l’influenza perniciosa di sua moglie, Eugénie Hulot d’Osery, una ricca creola, e della sua bella madre, molto gelosa e ostile verso Giuseppina di Beauharnais.

Bonaparte, alla Malmaison, apprende il 13 febbraio dalla bocca di Pierre-François Réal che un prigioniero realista, Bouvet de Lozier, è passato alla confessione.

Rivela la presenza di Cadoudal e Pichegru a Parigi, e afferma che Moreau fa parte del complotto. Il primo console rientra subito alle Tuileries e convoca per il 14 un consiglio privato. Vi ordinò di arrestare Moreau e l’abate Pichegru, fratello del generale.

La mattina del 15 febbraio 1804, Bonaparte disse a Giuseppina: “Sai cosa ho appena fatto? Ho appena dato ordine di arrestare Moreau”. Di fatto, Moreau si ritrova il giorno stesso incarcerato nella prigione del Tempio. Rapidamente, la quasi totalità dei Cristiani localizzati a Parigi sono presi. Ma Cadoudal e Polignac passano attraverso le maglie della rete.

Il 27 febbraio, una legge assimila a un crimine capitale il fatto di nasconderli o di portare loro aiuto. Polignac viene catturato il 29 febbraio. Il 9 marzo, Cadoudal, localizzato, riesce a sfuggire alla polizia, ma uccide uno di loro. Alla fine viene sopraffatto e imprigionato nel Tempio.

Qui Cadoudal confessa facilmente il progetto di rapimento e assassinio del primo console. Egli scagionò totalmente Moreau e lo accusò addirittura di condurre il proprio gioco per sostituirsi a Bonaparte, senza realmente voler mettere Luigi XVIII sul trono.

Pichegru fu trovato strangolato nella sua cella il 16 aprile, Cadoudal fu ghigliottinato il 25 giugno 1804. Quanto a Moreau, fu giudicato e dapprima dichiarato innocente, poi condannato a due anni di carcere dopo una seconda deliberazione, richiesta da Bonaparte; pena che scontentò tutti, compreso Bonaparte che lasciò sfogare la sua rabbia, gridando: “Me l’hanno condannato come un ladro di fazzoletti!”.

Bonaparte commuta la sua pena in esilio e Moreau si imbarca per l’America. Lì si mise in contatto con gli Alleati e nel 1813 Bernadotte si mise al servizio della Russia per aiutare con i suoi consigli gli eserciti europei coalizzati contro il suo paese. Trovò la morte, nella battaglia di Dresda, il 27 agosto 1813.